Home » Ludens

Ludens

 -  ArcheoTeatro Pompeiano

Che il gioco sia lo strumento fondamentale dell’apprendimento di ogni specie animale, compresa quella umana, era nozione ben consolidata già alla cultura latina che con l’espressione Ludendo Docere, esprimeva il legame indissolubile tra gioco e insegnamento.

Su questa scia si pongono i nostri Ludens (laboratori ludico-didattici), i quali consentono di imparare divertendosi attraverso esperimenti, prove e giochi; attività che coinvolgono la molteplicità dei sensi, rendendo l’esperienza profonda e indelebile.

I ludens sono declinati per essere adattati alle diverse fasce di età, così che per ognuna di esse si trovi il rapporto appropriato tra componente ludica e docente.

Pugnando Docere (dalla quinta elementare alla terza media)

Pugnando Docere (dalla quinta elementare alla terza media) -  ArcheoTeatro Pompeiano

   Pensato per più giovani, questo laboratorio permette di apprendere la tattica di combattimento dei Milites Classarii Misenentis (i fanti della Marina Imperiale di Miseno) e dei Gladiatores Pompeiorum (i Gladiatori di Pompei) vivendola in prima persona. Verrà esposto l’armamento difensivo e offensivo dei combattenti antichi e sarà possibile provare in prima persona la tecnica di combattimento individuale, se ne mostreranno le analogie e le differenze tra quella dei Milites e quella dei Gladiatores, e verranno illustrati i protagonisti del duello nella storia di Pompei; si passerà dunque al combattimento collettivo dove i ragazzi potranno provare cosa significa stare in una formazione serrata, formare una testuggine e soprattutto cosa vuol dire costituire in tanti un unico corpo, andare cioè oltre il miope individualismo per essere una comunità (l’unione fa la forza).

   È su questi aspetti che il laboratorio pone l’accento. Tralasciando gli aspetti violenti dell’esperienza bellica romana infatti, di essa se ne recupera invece il forte senso comunitario, al fine di trasmettere l’importanza della sua coesione ai futuri membri della comunità che verrà…

   Il laboratorio ha la sua piena efficacia quando combinato con lo spettacolo GLadiatores Pompeiorum. Questo crea un canale di comunicazione privilegiato all’interno del quale si pone poi il laboratorio, con il quale sarà possibile approfondire quegli stessi argomenti che poco prima sono stati messi in scena. Il risultato è una combinazione di elementi emotivi ed esperienze pratiche che scolpiranno la passione per la storia antica nell’animo dei più giovani.

L'Armata del Fauno (per giovani adulti)

L'Armata del Fauno (per giovani adulti) -  ArcheoTeatro Pompeiano

Ispirato al celeberrimo mosaico della battaglia di Isso rinvenuto nella Casa del Fauno di Pompei, l’Armata del Fauno è un ideal-tipo di formazione falangitica che viene utilizzata come strumento di apprendimento fattuale alla storia.

Partendo dallo studio del trattato di tattica di Asclepiodoto, il Téchne Taktiké, si analizzerà il rapporto tra la fonte antica e la sua interpretazione, per approdare poi alla ricostruzione di una piccola formazione di sarissophoroi (portatori di lancia lunga da urto) con la quale si metteranno in pratica i dettami del trattato stesso. Gli elementi di tattica antica così desunti, verranno poi integrati con quelli di Ordine Chiuso tratti dagli odierni istituti militari. La piccola formazione verrà poi declinata in senso artistico al fine di trarne elementi utili alla realizzazione di una coreografia corale dal sapore marziale atta ad essere integrata in rappresentazioni sceniche.

Il laboratorio quindi ha un triplice livello di apprendimento che ripercorre le tre fasi tipo di una messa in scena ArcheoTearale:

1) studio delle fonti; 2) ricostruzione delle stesse; 3) Applicazione alla rappresentazione scenica.

I gruppi di ragazzi che prenderanno parte a questo laboratorio, le cui modalità e tempi di svolgimento sono da stabilirsi in base alle necessita e alle disponibilità dei gruppi, potranno infine prendere parte alla messa in scena di Gladiatores Pompeiorum in qualità di coro marziale, vivendo così in prima persona, un esperienza artistica e lavorativa dalla sua genesi fino alla sua messa in opera.

 

 -  ArcheoTeatro Pompeiano

Combattenti di scena (per giovani adulti)

Combattenti di scena (per giovani  adulti) -  ArcheoTeatro Pompeiano

Il combattente di scena è un esperto di arti marziali, capace di tradurre la propria marzialità, eventuale o potenziale, in una gestualità teatrale - tale da essere coinvolgente, leggibile e non dannosa - che possa inserirsi all’interno delle rappresentazioni dell’ArcheoTeatro, dove oltre  del linguaggio teatrale, si fa ampio uso di quello marziale e circense, al fine di meglio veicolare, tramite la meraviglia che ne consegue, i contenuti storico archeologici che esso si pone di divulgare.

  L’ArcheoTeatro Pompeiano è sempre pronto ad accogliere  nuovo e agguerrito personale nel suo Team.

 I candidati selezionati, potranno prendere parte agli allenamenti settimanali nell’ArcheoTeatro Pompeiano, dove apprenderanno empiricamente e per osmosi con il resto del Team, le tecniche di trasposizione scenica delle arti marziali, e se ritenuti idonei, verrà insegnata loro una parte per lo spettacolo Gladiatores Pompeiorum, al quale potrà prendere parte, prima come riserva e poi come titolare dell’eventuale ruolo assegnato.